Il blog di Localiditalia.it

Borghi d'Italia: Brisighella

Oggi vi parliamo di un borgo molto antico dell'Appenino Tosco-Romagnolo.

Condividi

Brisighella, in provincia di Ravenna, è interessata da ben due eventi questo mese. Il primo proprio oggi, domenica 13 maggio, con con la sagra dedicata a uno dei prodotti più apprezzati e ricercati del territorio, il Carciofo Moretto. L’ultimo fine settimana di maggio si terrà invece BorgoIndie, festival dedicato alle realtà indipendenti agricole e culturali ideato da Marco Ghezzi in collaborazione con Cinemadivino. Per la nostra consueta rubrica Borghi d’Italia, parliamo allora di questo meraviglioso borgo medievale.

Situato nella Valle del Lamone, nell’Appennino Tosco-Romagnolo, Brisighella è un borgo molto antico, che si adagia ai piedi di tre pinnacoli rocciosi, conosciuti come i tre colli. Ciascuna di queste alture è dominata da un edificio. Spicca la torre dell’Orologio, fatta erigere nel 1200, poi ricostruita nel 1850, quando vi fu posto anche uno splendido orologio a sei ore. Da qui si può godere di una vista unica sui calanchi e sulla valle sottostante. Un altro pinnacolo ospita la Rocca, splendido esempio di fortezza medievale. Edificata nel XIV secolo dai Manfredi, oggi è sede del Museo l’Uomo e il Gesso, un percorso che attraversa la lunga storia del rapporto delluomo con questo territorio e con il minerale che lo caratterizza. Terzo edificio è il santuario del Monticino, dove è venerata una sacra immagine in terracotta policroma di autore ignoto, datata 1626.

Nel centro storico domina lAntica Via del Borgo, una strada unica al mondo! È una via sopraelevata e coperta del XII secolo, illuminata da mezzi archi di differente ampiezza, costruita come baluardo di difesa per la cittadella medioevale. È nota come Via degli Asiniper il ricovero che offriva agli animali dei birocciai che labitavano. Il cuore del borgo, magico nella quiete notturna, è piazza Marconi, sulla quale si affacciano palazzo Maghinardo, sede del municipio. Appena fuori dellantica linea delle mura, si trova la collegiata dedicata a San Michele Arcangelo e ultimata nel 1697. Nelle immediate vicinanze si trova anche un parco molto originale, il Parco regionale della Vena del Gesso Romagnola. Si tratta di un’area di grande valore, in quanto raro esempio di catena montuosa costituita esclusivamente di cristalli di gesso. Assolutamente consigliato a chi ama le escursioni.

(Foto: Brisighella.org)