Il blog di Localiditalia.it

Itinerari d'Italia: Pisa

Cosa non perdersi in una delle città più visitate al mondo.

Condividi

La torre di Pisa è senza dubbio una delle icone italiane più celebri al mondo, impossibile non conoscerla! La stessa Pisa è una delle mete preferite della Toscana ed esistono tanti motivi per passare dei giorni in questa splendida città. Città dalla storia millenaria, repubblica marinara, patria di scienziati e matematici, oggi Pisa è un vivissimo centro universitario, sede di antichissime e prestigiose istituzioni e del Consiglio Nazionale delle Ricerche. Scopriamo cosa non dovete perdervi nella vostra visita a Pisa.

Prima tappa del vostro itinerario non può che essere Piazza del Duomo. Annoverata tra i Patrimoni dell’Umanità dall’UNESCO, racchiude i monumenti che formano il centro della vita religiosa cittadina, detti miracoli da Gabriele D’Annunzio. La splendida piazza è infatti conosciuta anche come Piazza dei miracoli: qui troverete il Duomo, il Battistero, il Camposanto e la Torre PendenteNella Cattedrale di Santa Maria Assunta potrete ammirare il Pulpito di Giovanni Pisano, la Lampada di Galileo Galilei e un’opera di Cimabue che decora l’abside. Dopo la Cattedrale, da visitare è il Battistero dove si trova il Fonte Battesimale e il bellissimo Pulpito di Nicola Pisano. Anche il Cimitero Monumentale merita una visita: al suo interno sarcofagi persino di epoca romana. Ma siamo certi che la vostra attenzione sarà rivolta tutta alla Torre: Alta 55 metri, con una pendenza di 5° verso Sud, il Campanile di Pisa suscita lincredulità dei turisti che da sempre si divertono a trovare la posizione migliore in cui scattare una foto ricordo.

Ma, come dicevamo, Pisa non è soltanto la Piazza del Duomo. Il centro storico della città è un gioiello: vicoli, piazze, chiese, scorci suggestivi ne fanno un posto tutto da scoprire. Da non perdere è Piazza dei Cavalieri, antico centro della vita politica della della Repubblica Pisana e quindi sede di splendidi palazzi medievali. Tra questi ricordiamo il Palazzo del Consiglio, il Collegio Puteano e la Torre dellOrologio con la nota Torre della Fame, citata da Dante nell’Inferno a proposito del Conte Ugolino.

Con l’inizio della bella stagione, non potete perdervi Piazza del Mercato o delle Vettovaglie, un’immersione nella vita quotidiana pisana, gustando alcuni dei piatti tipici della città. Imperdibile anche una passeggiata sui Lungarni, mentre ammirate Palazzi e Torri medievali, come succede ad esempio attraversando il suggestivo Ponte di Mezzo da dove vedrete il Palazzo Comunale, del trecento, e le Logge dei Banchi.

Parole chiave