Il blog di Localiditalia.it

Fileja alla ‘nduja

Guida alla preparazione di uno dei piatti tipici della cucina calabrese.

Condividi

Questa domenica per la rubrica Borghi d’Italia abbiamo parlato di Oriolo, piccolo paesino in provincia di Cosenza, in Calabria.Pensando a questa regione, il collegamento con il peperoncino è immediato. Difatti con l’aggettivo “calabrese” si intendono tecnicamente vari tipi di coltivazioni, tutte di piccantezza media e il rapporto tra la Calabria e il peperoncino è profondo . Basti pensare che ad esempio nella città di Diamante, sulla costa tirrenica, c’è la la sede dellAccademia Italiana del peperoncino.Questi possono essere consumati crudi, sott'olio, essiccati o lavorati per creme e salumi piccanti, tra cui il più famoso è la ‘Nduja. Ed eccoci al punto, con la ricetta che vi presentiamo oggi: Fileja alla ‘nduja.Partiamo da quest’ultima. Dal colore rosso acceso e dalla consistenza cremosa la nduja è ormai un ingrediente usato nei menù stellati ma la sua origine è molto povera. Alla base della sua preparazione vi è il peperoncino piccante calabrese e le parti più grasse della carne di maiale. Veniamo alla pasta, i Fileja. Si tratta di una pasta fresca di antica produzione tradizionale, originaria della provincia di Vibo Valentia. Ricordano i fusilli e le trofie liguri: lunghi una decina centimetri, sono caratterizzati da una forma a spirale che si ottiene con il dinaculu o filejo, da cui il nome.

Ricetta

Per preparare la pasta occorre 1 kg di farina di grano duro, 1 bicchiere di acqua, 1 cucchiaino di sale, uno stuzzicadenti grande, una spianatoia. Il procedimento è quello classico della pasta fatta a mano ma per ottenere la classica forma si possono seguire i tutorial presenti su YouTube. A questo occorre preparare il condimento con i seguenti ingredienti: 1 cipolla (meglio se rossa di Tropea), 1 bicchiere di vino bianco secco, 1 scatola di pelati o pomodoro fresco 300gr circa, 250gr di nduja, pecorino (o in alternativa parmigiano), olio e sale.

Procedimento

Riscaldare l'olio e fare rosolare la cipolla tritata precedentemente. Subito dopo aggiungete la nduja e fate amalgamare velocemente tutto linsieme aggiungendo il vino bianco lasciandolo sfumare a fuoco vivo. Aggiungere i pelati e lasciare cuocere a fuoco lento, mescolando di tanto in tanto, per un quarto d'ora circa.

(Foto: pastificio.panificiocolacchio.it)