Il blog di Localiditalia.it

Itinerari d'Italia: cosa vedere a Matera

Guida alla scoperta della città dei Sassi.

Condividi

Dopo aver scoperto il caratteristico borgo di Muro Lucano e la ricetta del piatto tipico della Basilicata, lagane e ceci, non possiamo che parlare di Matera, meta obbligata nel nostro immaginario itinerario della regione.Capoluogo della Basilicata e una delle mete turistiche italiane più popolari, Matera è conosciuta come “La città dei Sassi”, in quanto il suo nucleo urbano originario è formato da grotte naturali scavate nella roccia. Dal 1993 i Sassi di Matera sono Patrimonio Mondiale dell’Umanità UNESCO e la città è stata designata Capitale Europea della Cultura per il 2019.Matera è tra le città più antiche del mondo e un luogo assolutamente unico nel suo genere, dove si fondono storia, cultura e natura in scenari indimenticabili e nell’atmosfera di un luogo senza tempo.

Cosa vedere

La città ha origini antichissime che risalgono al Paleolitico e ne sono testimonianza i numerosi ritrovamenti di oggetti lungo le Gravine materane, conservati ora nel Museo archeologico nazionale Domenico Ridola. I Sassi dividono Matera in due quartieri: il Sasso Barisano, il rione più grande, le cui case oggi ospitano per lo più negozi, ristoranti e alberghi, e il Sasso Caveoso, il quartiere più antico che maggiormente conserva l’aspetto originario della città rupestre. L’app Matera Invisibile, scaricabile gratuitamente, vi accompagnerà alla scoperta del nucleo storico della città. Qui, tra i luoghi più ricchi di mistero e fascino troviamo le chiese rupestri: circa 150 chiesette sparse nella città, scavate interamente nella roccia risalenti all’Alto Medioevo. Al loro interno si possono ammirare splendidi affreschi, sculture e cicli pittorici.Nel punto più alto della città spicca la Cattedrale di Matera, che risale al XIII secolo. Costruita in stile romanico pugliese, presenta un imponente rosone a 16 raggi e un portale finemente decorato, oltre ad offrire una vista privilegiata sul Sasso Barisano.A causa delle condizioni igienico sanitarie precarie, negli anni cinquanta fu disposto lo sfollamento dei Sassi, poi recuperati solo negli anni ’80. Per cercare di capire le condizioni di vita nei Sassie immergersi nel mondo contadino lucano, si può visitare la grotta di vico Solitario nel Sasso Caveoso, abitata fino al 1957 da una famiglia di undici persone.Per gli appassionati di natura segnaliamo il Parco della Murgia Materana, la Riserva Regionale San Giuliano ed il Colle Timmari sono le aree naturali che potrete visitare nei dintorni di Matera.