Il blog di Localiditalia.it

Murano e l'arte del vetro

Storia della tradionale lavorazione del vetro che da secoli caratterizza l'isola veneta.

Condividi

Parlare di Murano vuol dire anche parlare del vetro soffiato. Da secoli infatti l’isola della laguna veneta è il cuore della lavorazione artigianale del vetro, un’arte preziosa ancora oggi vivissima, che ha visto impegnate intere generazioni di muranesi. Precisamente l’allora Repubblica di Venezia trasferì le attività vetraie sull’isola di Murano nel 1291, con un editto promulgato dal doge Tiepolo. Il motivo di questa decisione era la sicurezza di Venezia, in quanto i forni dei laboratori di lavorazione del vetro erano la causa di numerosi incendi ma, così facendo, la Serenissima poteva anche controllare e perciò tutelare i segreti e le tecniche di lavorazione del suo prezioso Vetro.

A tale scopo emanò infatti delle leggi severe, che prevedevano innanzitutto che la lavorazione nelle vetrerie era permessa solo ai cittadini muranesi ai quali fu inoltre proibito di lasciare l’isola. In cambio la Serenissima insigniva gli artigiani di un titolo nobiliare e, dal XVII secolo circa, li iscriveva nel Libro d’Oro delle famiglie patrizie nobiliari. Con quell’editto Venezia consacrò l’isola di Murano a capitale mondiale della produzione vetraia. Quest’attività si concentrò in particolare lungo il Rio dei Vetrai dove, ancora oggi, si trovano le fornaci più antiche.

Palazzo Giustiniani, antica sede dei Vescovi di Torcello, ospita oggi il Museo del Vetro, un archivio di preziose testimonianze dell’arte della produzione vetraia. Il Museo presenta una collezione di oggetti e vetri decorati che va dal XV secolo ad oggi e attraverso queste vere e proprie opere d’arte, di vario stile, gusto e tecniche è possibile ammirare in tutto il suo splendore il Vetro di Murano, che tanto l’ha resa celebre. Poco distante dal Museo si trova la Basilica dei Santi Maria e Donato, uno dei migliori esempi di stile bizantino, al cui interno si ammirano splendidi mosaici che risalgono al XIII secolo.

Nel tempo molte sue vetrerie storiche di Murano sono divenute marchi internazionali come Salviati, Barovier & Toso, FerroMurano, Berengo Studio ma nelle loro fabbriche gli artigiani impiegano ancora le antiche tecniche per realizzare i celebri vetri. La Regione del Veneto tutela e promuove la denominazione d'origine dei manufatti artistici in vetro realizzati nell'isola di Murano, in quanto patrimonio della storia e della cultura secolare di Venezia, sotto la denominazione Marchio Vetro artistico di Murano e, aggiungiamo noi, in quanto simbolo di Made in Italy.

Parole chiave