Il blog di Localiditalia.it

Tradizioni di Capodanno: primi tuffi dell'anno e presepi di sabbia

Le insolite tradizioni del primo dell'anno di alcune città italiane.

Condividi

Il primo giorno dell’anno può essere un’occasione per trascorrere una giornata in famiglia e dedicarsi ad una gita anche fuori città, alla visita di un museo, o scoprire eventi e consuetudini meno note ma che si ripetono ogni anno in alcune città e possono offrire un’idea alternativa per festeggiare il Capodanno. Tra queste, in alcune città costiere, c’è la consuetudine insolita e letteralmente da brividi di salutare il nuovo anno con un tuffo in mare; il primo bagno dell’anno.

L’evento più importante, per numero di partecipanti, è quello che si svolge nella città toscana di Viareggio, dove da otto anni è consuetudine l’appuntamento nella spiaggia di Piazza Mazzini la mattina del primo gennaio, che l’anno scorso ha visto la partecipazione di ben 322 temerari. Questo evento è gemellato con il tuffo di Capodanno della città di Brindisi, dove è previsto l’appuntamento alle 11:00 in Località la Sciaia per chi ha il coraggio di fare una nuotata nel gelido mare d’inverno o per chi vuole solo curiosare. Sull’Adriatico, precisamente a Riccione, l’appuntamento per il primo bagno del 2018 è a piazzale Roma e l’occasione richiama ogni anno centinaia di spettatori tra cui anche il caratteristico gruppo di harleysti di Riccione Chapter che raggiunge la spiaggia in sella alle moto.

Il primo gennaio può essere un'occasione per visitare i presepi di sabbia presenti su alcune spiagge italiane. Sempre sulla riviera romagnola, nella zona porto di Rimini, fino al 21 gennaio è possibile ammirare un presepe creato da artisti della sabbia, a grandezza naturale. Sempre a Rimini è stato allestito un presepe di sabbia al coperto, sulla spiaggia di Torre Pedrera. A Jesi, in Veneto, è famoso il Sand Nativity, visitabile gratuitamente fino all’11 Febbraio in piazza Marconi: si tratta di una suggestiva natività di sabbia realizzata da scultori provenienti da tutto il mondo. Spostandoci a Sud, a Salerno, oltre alla nota manifestazione delle Luci d’Artista è stato allestito il Il presepe di sabbia. Sand nativity, presso il quadriportico del Museo Diocesano San Matteo” di Salerno. Il costo dell’ingresso è di due euro per gli adulti e gratuito per i bambini.