Il blog di Localiditalia.it

Monte Nuovo, il vulcano dei Campi Flegrei

Dalla temibile eruzione del XVI secolo all'odierna oasi naturalistica.

Condividi

Nello straordinario territorio dei Campi Flegrei, presso il lago Lucrino, nelle immediate vicinanze di Pozzuoli sorge il vulcano Monte Nuovo, la montagna più giovane d’Europa. La formazione del Monte Nuovo avvenne a seguito di una sorprendente eruzione della durata di una settimana, culminata il 6 ottobre del 1538, che rappresenta l’unica eruzione nei Campi Flegrei avvenuta in epoca storica.

Conosciamo in modo piuttosto preciso la cronologia degli eventi e la dinamica dell’esplosione vulcanica grazie a numerose testimonianze di spettatori, anche autorevoli, dell’eccezionale evento. Lo spettacolo che si trovarono di fronte fu certamente spaventoso: il mare si ritirò, lasciando pesci boccheggianti a riva, la terrà tremò e si abbassò prima della violenta esplosione di cenere, lapilli e pietre laviche.

Con l’eruzione vulcanica venne completamente cancellato il villaggio medievale di Tripergole, molto noto per le sue sorgenti termali di epoca romana e la sala termale chiamata Truglio, il suo ospedale fatto costruire per volere di Carlo II d’Angiò, le sue chiese e il suo castello. Furono distrutti per sempre anche i resti dell’Academia, villa puteolana di Cicerone e la superficie del Lago Lucrino si dimezzò almeno, lasciando il posto alle due ampie caldere del vulcano.

Il tema della formazione del vulcano è ancora molto attuale e inserito nel dibattito generale sulla sicurezza e i rischi geologici per le popolazioni che vivono in aree potenzialmente pericolose. Infatti sono in corso indagini geologiche che mirano a ricostruire lo storico episodio della formazione del Monte Nuovo per tentare di prevedere il comportamento dei Campi Flegrei, distretto vulcanico più pericoloso al mondo, particolarmente difficile da calcolare.

Dal 1996, il Monte Nuovo è un’oasi naturalistica aperta al pubblico e gratuita, caratterizzata da una fitta vegetazione mediterranea, di pini, mirti e ginestre e con una splendida vista sul golfo e sulla città di Pozzuoli. Partendo dalla frazione Arco Felice si arriva all’ingresso dell’Oasi naturalistica di Monte Nuovo, da qui è possibile intraprendere diversi percorsi, tutti segnalati da cartelli con indicazioni di difficoltà e lunghezza. Il più consigliato è quello che arrivo alla cima del cratere, che si trova a 130 metri di altezza e da cui si può ammirare un panorama molto suggestivo che va Pozzuoli a Cuma, attraversando con lo sguardo il Golfo di Napoli e godere della bellezza di questa ricca terra.