Il blog di Localiditalia.it

L'Esercito di Terracotta in anteprima nazionale a Napoli

L'imponente Esercito di Terracotta del primo Imperatore di Cina in mostra a Napoli

Condividi

Nel 1974 un contadino cinese, intento a scavare una buca per costruire un pozzo, trovò nel terreno la testa di un guerriero in terracotta a dimensione naturale. Era solo una delle seimila statue appartenenti all'Esercito di Terracotta voluto, circa 2.200 anni fa, dal primo Imperatore di Cina Qin Shi Huangdi a guardia del suo mausoleo. L'Imperatore volle, infatti, che l'esercito che l'aveva aiutato ad unificare la Cina di allora lo seguisse anche nell'aldilà.

Le statue erano tutte in assetto di guerra e si caratterizzavano, oltre che per essere a grandezza naturale, per il fatto di avere volti diversi l'una dall'altra, rendendo di fatto ogni esemplare unico. Nel 1987 l'Esercito di Terracotta, comunemente considerato come l'ottava meraviglia del mondo, è stato inserito nell'elenco del Patrimonio dell'Umanità dell'Unesco.

Oltre 170 esemplari, tra soldati e cavalli, di queste statue saranno esposte nella Basilica del Santo Spirito di Napoli fino al 28 gennaio 2018. La mostra è in prima nazionale a Napoli ed è la rappresentazione più esaustiva dedicata all'Esercito di terracotta e alla storia del Primo Imperatore di Cina. I curatori della mostra hanno affermato di aver scelto la città partenopea per i punti di contatto tra la tradizione napoletana e quella cinese nel culto delle statue. Inoltre, secondo i curatori, la suggestiva Basilica del Santo Spirito, che si trova nella centralissima via Toledo, richiamerebbe la sacralità del Mausoleo del primo imperatore Qin a Xi'an, in Cina.

Oltre alle statue ritraenti l'esercito dell'imperatore, saranno presenti oltre 300 pezzi tra armi, armature e oggetti di vita quotidiana. Inoltre videoproiezioni ad altissima risoluzione e audio-guide permetteranno di immergersi nella Cina di 2200 anni fa e di esplorare la necropoli e la storia del primo Imperatore di Cina e delle sue conquiste, oltre ad approfondire la realizzazione dell'Esercito di Terracotta.