Il blog di Localiditalia.it

Klimt Experience

Klimt: dopo Reggia di Caserta e Firenze la mostra arriva anche a Milano.

Condividi

Dal 26 luglio 2017 al 1 gennaio 2018 al Mudec di Milano sarà dedicata la mostra al grande maestro austriaco Klimt.

La mostra “Klimt Experience”, attraverso installazioni multimediali, cerca di rappresentare la vita del pittore e da la possibilità al visitatore di tuffarsi dentro le opere dell’artista. Grazie al montaggio di suoni, colori, immagini, simboli e parole,  l’esposizione fa in modo di far sentire il visitatore come se vivesse e facesse parte delle opere esposte; infatti, lo spettatore, potrà ammirare alcune opere tra cui,  il “Fregio di Beethoven”  e avere la sensazione di essere immerso nelle note della Nona sinfonia di Beethoven e capirne il significato grazie al supporto della guida.

 

Quindi si può affermare che, lo stile di Klimt, è alquanto modero e unico poiché, ha la capacità a distanza di anni, di provocare emozioni e affascinare il pubblico.

 

Gustav Klimt, nasca a Vienna nel 1862, ed è considerato uno dei più importanti pittori dell’Art Nouveau.  Durante la secessione viennese, periodo che si riferisce allo sviluppo degli stili artistici, Klimt e altri come lui, si ribellano ai canoni imposti dall’Accademia delle belle Arti di Vienna,  creando un movimento che li porta ad aprire ed esplorare stili e tematiche più fresche e innovative, tra cui appunto l’Art Nouveau.

Eleganza, soggetti ispirati alla natura, linee dolci e sinuoso sono le principali caratteristiche che contraddistinguono questa corrente. Ovviamente, Klimt farà di quest’arte la sua arte, dandole un tocco inconfondibile e originale.

Nelle opere di Klimt, le donne sono il soggetto più frequente e consueto. Klimt aveva una passione per le femmine, tant’è che l’artista le rappresentava e raffigurava come creature eleganti, sensuali, dai tratti morbidi, dalle linee e curve armoniose, facendone sprigionare tutta la loro purezza, dolcezza e fascino. Molti dei suoi capolavori riprendono, in qualche modo, il tema della “Femme Fatale”, opere come “Giuditta I” (1901) e “Giuditta II” (1909), ne sono alcuni esempi, anche se, in quel periodo, molte persone consideravano i dipinti di Klimt, eccessivi e indecenti.

Tra le sue opere più famose, possiamo ricordare “Il bacio”. Una tela di dimensione, 180x180, sulla quale sono raffigurati un uomo e una donna, due mondi opposti, i quali si abbandonano in un dolcissimo abbraccio e in un bacio intenso e forte, che sembra voglia durare per sempre. Una rappresentazione meravigliosa del trionfo della forza dell’amore.

Per informazione su orari e biglietti visitare il sito: http://www.klimtexperience.com/

Parole chiave