Il blog di Localiditalia.it

Orate, Spigole e Ombrine: InMare il pesce di qualità Reho

Un’azienda a conduzione familiare che, con il passare del tempo si fortifica e si amplia: la Reho produce orate, spigole e ombrine coniando il marchio InMare. Vediamo nel dettaglio il metodo di acquacoltura.

Condividi

L’azienda Reho MariColtura nasce nel 2005 dalla caparbietà di cinque fratelli Reho che hanno investito nella qualità della pesca nei migliori fondali e nella produzione artigianale per la vendita. Da questo connubio l’azienda, in un primo momento a conduzione familiare, si è ampliata e fortificata dando vita al marchio InMare.

INMARE: LA QUALITÀ DI REHO

L’azienda InMare ha come obiettivi principali la soddisfazione del consumatore finale e la produzione ittica di alta qualità, fornendo un prodotto magro, dalle carni sode, altamente digeribile ed allevato in un ambiente incontaminato.

«Accarezzavamo il sogno di allevare pesce nelle acque del mare salentino sin da quando eravamo al liceo», spiega Aldo,amministratore delegato della Reho srl, un’azienda nata nel 2005.

E’ la formula di un successo imprenditoriale nato dall’intuizione e dalla caparbietà dei cinque fratelli Reho, menti e braccia della Reho Srl. 
Adottando il sistema di gabbie galleggianti in mare aperto, si è creato l’impianto di produzione, ancorato ad un fondale di circa 40 metri di profondità.cIl ciclo produttivo della Reho Srl inizia ogni anno con l’acquisto di novellame da aziende certificate e si conclude dopo circa 14 mesi. E’ nato così il marchio InMare, un’accurata produzione salentina di Orate, Spigole e Ombrine.

PESCE REHO: ALLEVATO IN MARE APERTO.

Un preciso protocollo di lavorazione garantisce igiene, controllo della qualità, record di temperatura, etichettatura e documentazione di tracciabilità. In sintesi è la perfetta qualità della materia prima: il pesce allevato in mare aperto. Un traguardo della società è quello raggiunto in dicembre 2011 con l’ottenimento della certificazione ICEA di allevamento ittico biologico, seguendo un rigido protocollo di analisi dell’ambiente, del pesce stesso, della lavorazione e della rigorosa alimentazione del pesce con prodotti biologici.

L’allevamento del pesce Reho avviene in un impianto situato nelle acque ioniche che bagnano la penisola salentina a circa 2 km dal largo, in località Torre Suda ( a 10 km da Gallipoli), dove ci sono 14 gabbie galleggianti del diametro di 22 metri ciascuna, con reti a sacco profonde 18 metri.
Il processo produttivo inizia con una semina di novellame certificato sano e robusto, che trova il suo habitat favorevole in un mare aperto e pulito, quale quello di Torre Suda ( Gallipoli). È stato scelto infatti questo punto di mare, lontano da zone portuali e rotte di navigazione; una zona peraltro notoriamente rinomata per il suo scopo poiché in grado di garantire la salubrità del pesce. Nell’arco di 14-20 mesi il pesce cresce sano, forte e magro, raggiungendo la taglia commerciale. Spigole, orate ed ombrine sono costrette a nuotare in profondità, in una zona esposta a forti correnti che, oltre ad evitare accumuli di metaboliti sul fondale, rendono i pesci Reho dei veri atleti garantendo così carni sode, prive di grassi e ricche di sostanze nutritive di origine planctonica.

L’azienda Reho è sempre in crescita pronta ad allargare i propri confini. E’ per raggiungere la massima soddisfazione del consumatore finale a breve si potrà degustare anche il prodotto biologico.



 

Parole chiave