Il blog di Localiditalia.it

George Benson in concerto

Unica tappa in Italia del chitarrista jazz.

Condividi

Il 17 luglio al Marostica Summer Festival in Piazza Castello, si esibirà uno dei più grandi musicisti e chitarristi mondiali della scena jazz, George Benson.

Benson nato a Pittsburgh, inizia la sua carriera musicale, suonando come chitarrista nella formazione jazz dell’organista Jack McDuff. Gli idoli da cui prende ispirazione Benson, sono i celebri chitarristi Wes Montgomer e Charlie Christan.

A 21 anni  Benson incide il suo primo album, a fianco dell’organista McDuff, dal titolo “The New Boss Guitar” (1964). Il progetto, è stato realizzato grazie all’accordo stipulato con l’impresario John Hammond. Nel 1965 pubblica il suo secondo album “It’s uptown with the George Benson Quartet”.

Successivamente, nel 1968 collabora con Miles Davis e altri musicisti jazz di fama mondiale come, Deodato, Jorge Dalto, Hank Crawford, Tony Bennet, Quincy Jones, Chet Atkins, Jack McDuff, Herbie Hancock e Roy Ayers. Tra il 1964 al 1975, a seguito del contratto con la Warner Bros e la produzione di Tommy LiPuma, realizza diversi album da solista, i quali danno una svolta significativa alla sua carriera del musicista.

Da qui, inizia una nuova fase artistica del cantante, che porta il chitarrista a realizzare numerosi album che risultano essere un mix tra soul, jazz, pop e R&B. Molti sono i suoi lavori che hanno avuto successo, come “ Give me the Night”, “Turn Your Love Around”, “On Broadway”, “Nothing's Gonna Change My Love For You” e “Song For My Brother, che permettono a Benson di conquistare diversi Grammy Award. Benson viene riconosciuto come uno dei più grandi utilizzatori dello “scat”, una tecnica che gli permette di creare vocalizzi che si sovrappongono con la chitarra.

In questi anni Benson, duetta con alcuni cantanti soul come Aretha Franklin e Chaka Khan, facendo salire la sua notorietà in tutto il mondo.

Negli ultimi anni, Benson ha realizzato alcuni album tra cui, “Absolute Benson” (2000), “All Blues” (2001), “Irreplaceable” (2004) , “George Benson Live” e “Live from Montreaux” nel 2007.   

Parole chiave