Il blog di Localiditalia.it

Kandinskij in mostra a Milano fino al 9 luglio

"Kandinskij il cavaliere errante. In viaggio verso l'astrazione" è il nome della mostra.

Condividi

Mancano pochi giorni alla chiusura della mostra dedicata all’artista russo, Vasilij Vasil’evič Kandinskij.

Kandinskij, nato a Mosca nel 1866, è ritenuto uno dei più importanti artisti nella storia dell’arte europea, oltre ad essere considerato il padre fondatore della pittura astratta. L’astrattismo predilige la creazione di forme che non danno una rappresentazione oggettiva della realtà come, invece, avviene nel realismo. Pertanto, la pittura astratta cerca di riprodurre, sia ciò che l’artista vede con i propri occhi, sia l’emozioni che prova il pittore nel guardare quella determinata cosa, attraverso, però, l’uso di figure geometriche, colori e linee.

Nel 1910, Kandinskij, pubblica il suo libro dal titolo “Lo spirituale nell’arte”, il quale non vuole essere un manuale di tecnica della pittura, ma piuttosto un testo che teorizza l’idea dell’artista in merito all’arte. In particolare, partendo dal presupposto che il soggetto del libro non è l’arte, ma la spiritualità; Kandinskij, nel suo libro afferma che,  la composizione tra colori e forme sono alla base dell’opera d’arte che, a sua volta è connessa con la spiritualità.  Per giunta, molti sono i riferimenti alla musica e al teatro, non a caso molti dei suoi capolavori prendono il nome di linguaggi che sono generalmente associati al mondo della musica come, “composizione”, “intermezzo”, “improvvisazione” ecc.

Le opere del pittore seguono regole precise e logiche, per quanto si possa ritenere il suo lavoro criptico e enigmatico. Difatti, Kandinskij attribuisce a ogni colore un significato, una forma ed un’emozione precisa. Per esempio, secondo l’artista, il colore giallo  esprime una forza centrifuga potente e intensa, ragion per cui, il pittore lo associa al suono di una tromba.

La mostra ospiterà alcune delle opere più importanti del pittore, tra cui alcune che non sono mai state esposte prima in Italia.

Quindi, il tema della mostra è quello del viaggio, che viene espresso tramite lo stile astratto di Kandinskij. Le 49 opere e le 85 tra icone, stampe popolari ed esempi di arte decorativa, che sono esposte presso il Mudec di Milano, raccontano il periodo di lavoro del genio.

L’obiettivo della mostra è quello di far vivere allo spettatore, con l’ausilio di strumenti appositi, un viaggio intrigante  e indimenticabile.  

Informazioni e orari dettagliati sono disponibili presso il sito: http://www.mudec.it/ita/mostra-kandinskij-mudec-milano/

Parole chiave