Il blog di Localiditalia.it

Storia di famiglia: Spina, l’azienda artigianale di Oria

Il segreto è la conduzione familiare, gi ingredienti sono la qualità dei prodotti uniti alle nuove innovazioni così, dalla terra alla tavola, arrivano i migliori cibi della ‘Spina Sapori’.

Condividi

Il patriarca è Antonio Spina, detto Tonino che nel 1961 parte dalla Puglia verso Torino in cerca di fortuna. Dopo tanto lavoro e tanti anni di gavetta, nel 1966 decide di aprire un piccolo laboratorio artigianale di prodotti propri nel suo paese natìo, a Oria in provincia di Brindisi. Comincerà così a fare da spola tra la Puglia e la Lombardia e si amplierà sempre di più dando vita all’azienda artigianale ‘Spina Sapori’. Vasta la gamma dei prodotti:dalle conserve di casa ai sughi e pomodori, dagli oli di frutta alle spezie.

STORIA DELL’AZIENDA

L’Azienda “Spina Antonio – Produzione Artigianale Sottoli e Sottaceti” nasce nel lontano 1966, un quarantennio di presenza, esperienza e innovazione. Antonio Spina (detto Tonino), capostipite della famiglia Spina, nel 1961 si trasferisce in cerca di lavoro e fortuna a Torino, inserendosi in un’azienda di lavorazione di funghi porcini. L’estro e la creatività lo portano ad immaginare e sognare un’azienda simile, specializzata però nella conservazione dei prodotti del territorio della terra natia, l’amata Puglia.

Con l’ausilio dei mezzi dell’azienda torinese e dell’esperienza acquisita, egli inizia a trasformare i primi prodotti a Torino. Il suo datore di lavoro, non vede in Tonino un concorrente futuro, ma un dipendente pieno di estro, di sogni e di speranze!

E’ il 1966, e Tonino decide di aprire un piccolo laboratorio di produzione nel suo paese natale ORIA in via Francavilla.

Mentre le sorelle gestiscono il laboratorio, Tonino continua a fare la spola tra la sua Puglia e il Piemonte, consolidando la sua esperienza professionale nel settore delle conserve alimentari.

I primi risultati non si fanno attendere quando immette sul mercato regionale alcuni dei suoi prodotti preferiti: i funghi porcini.

Gli echi e i risultati positivi spingono Tonino a realizzare il suo sogno: trasformare e conservare i prodotti del “suo” territorio quali melanzane, peperoni, pomodori secchi, lampascioni e carciofi: le vere perle del Salento.

Fiero dei riscontri di mercato positivi, Tonino incrementa la produzione e invade il mercato piemontese, sorretto commercialmente dal suo ex datore di lavoro: grande soddisfazione personale e professionale.

Grazie all’abnegazione al lavoro continuo e ai molteplici sacrifici nell’anno 1976 Tonino apre un laboratorio artigianale di trasformazione di 3000 mq sulla via per Manduria sempre nel Comune di ORIA.

Ampi spazi, manodopera qualificata, l’apporto molto importante della signora Rosaria, consorte di Tonino, quindi l’ingresso nel mondo del lavoro dei figli Damiano, Giampiero, e Luigi consentono all’Azienda Artigianale Spina di compiere un notevole salto di qualità.

Le nuove tecnologie di produzione, l’aggiornamento e formazione professionale continua nel rispetto dell’ambiente e delle direttive E.U. e dell’autocontrollo per la sicurezza degli alimenti tutelato dal sistema HACCP (garanzia della genuinità del prodotto con esami batteriologici e chimici prima di essere immessi sul mercato) sono misure a garanzia del consumatore.

Oggi il segreto del successo dell’Azienda SPINA é la conduzione familiare.

Il risultato é che i prodotti SPINA sono molto richiesti in Italia e in Europa nel settore della ristorazione e della gastronomia di alta qualità, grazie alla loro genuinità, bontà e fragranza per una clientela attenta ai valori nutritivi.

IL LAVORO ARTIGIANALE DALL’AZIENDA ‘SPINA’

Spina è un’azienda artigianale a conduzione familiare che trasforma i prodotti della terra, con antiche ricette artigianali. Oltre 50 le materie prime trasformate e più di 100 i prodotti in ricette sott’olio, in aceto, in agrodolce, al naturale, grigliati, piccanti e anche creme e patè spalmabili.Tutti i prodotti vengono confezionati nei formati “Retail” per negozi specializzati e “Catering” per i professionisti della ristorazione, proponendo sul mercato una vasta gamma di prodotti con 300 referenze. I prodotti vengono trasformati solo durante la loro stagione, quindi la lavorazione viene effettuata dal fresco, cioè ‘Raccolto e Trasformato’.

Parole chiave