Il blog di Localiditalia.it

Gay Pride 2017 a Bologna

E’ più facile spezzare un atomo che un pregiudizio. (A.E.)

Condividi

Sabato 1° luglio si terrà a Bologna il Gay Pride 2017.  Il programma prevede l’appuntamento alle 14 ai Giardini del Cavaticcio, da dove poi partirà il corteo alle ore 15 per proseguire fino in via Indipendenza.

A seguito dell’appello delle associazioni, le quali lamentano una mancanza di spazi pubblici nella città  per le iniziative della comunità Lgbtqi, il comitato composto da 21 associazioni ha deciso di far partecipe la popolazione, o meglio la ccittà, nella ricerca dei fondi volti a sostenere le spese della Pride Week attraverso la piattaforma Ginger. Gli organizzatori, a tal proposito, spiegano che “In una città come Bologna che da sempre si distingue per la sua inclusività, purtroppo gli spazi a disposizione della comunità Lgbtqi sono ridotti ancora e solo a quelli messi a disposizione presso la Salara, sede del Circolo Arcigay Il Cassero, e pochissimo altro. Chiediamo quindi all’amministrazione e alla cittadinanza di dare spazio all’orgoglio, di aprire i luoghi istituzionali e pubblici, ma anche le aree all’aperto e gli spazi non convenzionali alle tantissime iniziative che la comunità Lgbt propone”.

Quindi il  tema che si è scelto quest’anno sarà, quindi, “Spazio all’Orgoglio!”.

Il comitato Bologna Pride,  ha scelto questo slogan per poter rappresentare la dimensione e l’ispirazione dei movimenti nel dibattito pubblico. Dare la possibilità ai movimenti di poter esercitare la loro funzione, in modo libero, all’interno della politica amministrativa; in quanto è un  diritto e non un mero capriccio Spazio all’orgoglio esprime il coraggio di liberarsi dalle logiche precostituite  e poter aprire gli orizzonti.

In secondo luogo, lo slogan raffigura la libertà di esprimere se stessi, un diritto che non dovrebbe essere oggetto di discussione e tanto meno soggetto a limitazioni. Una libertà degna di chiamarsi tale; ovvero, di poter esprimersi in piena libertà senza giudizi e pregiudizi in ogni spazio pubblico, alla luce del fatto che, purtroppo, per molte persone nel mondo è un diritto che viene negato a priori.


Il Comitato è composto da: ​Agedo Bologna​, ​Amnesty International Emilia Romagna​, ​Arcigay Il Cassero​, ​ArciLesbica Bologna​, ​Associazione FRAME​, ​Associazione Orlando​, ​Bogasport​, ​Bproud​, ​BU Senza Paura​, Chiesa Metodista di Bologna, ​Famiglie Arcobaleno​, ​GayLex​, ​Gruppo Trans* Bologna​, I.D.A. Iniziativa Donne AIDS, ​IndiePride – Indipendenti contro l’omofobia​, ​Komos - coro gay di Bologna​, ​LILA Bologna​, ​MigraBO LGBT​, ​UAAR Bologna​, ​Uni LGBTQ. Le riflessioni e le proposte che seguono rappresentano l’esito del percorso di confronto tra tutte queste realtà.

Per informazioni  e approfondimenti vi rimandiamo al documento politico, che potete trovare sul sito ufficiale:http://www.bolognapride.it/

Parole chiave